Kraken, la piattaforma di Exchange sicura: recensione

Kraken, la piattaforma di Exchange sicura

Quando si vuole investire in criptovalute, è d’obbligo conoscere quali sono le principali piattaforme su cui fare affidamento per far capitalizzare i propri soldi. I siti in questione vengono chiamati exchange e sono quelli che permettono di trasformare le monete classiche in quelle virtuali. Oggi vi presentiamo uno dei più famosi: Kraken.

Storia di Kraken

Kraken nasce nel 2011 ed ha sede a San Francisco, negli Stati Uniti d’America. È una delle aziende più longeve per quanto riguarda il settore ed ha server che operano negli USA, in Europa e in Giappone. Nel corso degli anni, la sua reputazione ha fatto sì che diventasse oggetto di grandi finanziamenti da 13 investitori diversi, tra cui Money Partners Group e BlockChain Capital. Già questo permette di capire quanto la società sia affidabile e quali siano le sue referenze. Non parliamo di uno scambio al buio, ma di una società seria, regolamentata e che ha anche degli investitori istituzionali. Inutile dire, dunque, che è una delle soluzioni più trasparenti e sicure del mercato: investire i propri soldi in Kraken è una garanzia.

Caratteristiche di Kraken

Dopo aver analizzato un po’ la storia e l’affidabilità dell’exchange in questione, vediamo quali sono le principali caratteristiche che dovrebbero invogliare i clienti a creare account su Kraken e non optare per altre soluzioni.

  • La popolarità del sito permette di avere a disposizione un numero molto elevato di utenti con cui poter interagire. Ciò porta un vantaggio anche nei volumi scambiati: Kraken è il quinto exchange in questa speciale classifica e, quindi, ritenuto uno dei più affidabili per chi opera in questo determinato settore.
  • È considerato il sito che il maggior supporto per Bitcoin Cash visto che è stata la sua piattaforma di esordio.
  • C’è la possibilità di operare al margine e con la leva finanziaria su alcune specifiche coppie valutarie, il che significa che per alcuni investitori è possibile operare come se lo stessero facendo su piattaforme di broker Forex.
  • Il numero di criptovalute che si possono comprare/scambiare è molto elevato, così come quello delle valute nazionali. Ci si può muovere, dunque, in qualsiasi direzione.
  • C’è molta velocità nel ritiro delle valute: attraverso il bonifico SEPA, dunque anche in Italia, si impiegano appena 48 ore. Non tutti gli exchange hanno queste possibilità, anzi molti impiegano anche tra i 4 e i 5 giorni.
  • Le commissioni sono tra le più basse del settore, in particolar modo per le piattaforme che aiutano gli investitori che stanno muovendo il primo passo.
  • Altro punto forte è la sicurezza, sia per quanto riguarda sistemi di vigilanza che permettono di tenere al sicuro i propri dati e le proprie criptovalute, sia per quanto riguarda l’autenticazione, che è a 2 fattori, il che permette di avere un sistema enormemente sicuro.
  • Il deposito è gratuito in Euro, Dollari e Yen Giapponesi.

Criptovalute e valore Fiat su Kraken

Tra i vantaggi abbiamo inserito che è possibile operare su un numero molto alto di monete virtuali. Ebbene, rispetto agli altri exchange, Kraken ha una vastità incredibile che all’interno di altre piattaforme facciamo fatica ad avere. Vi forniamo, in seguito, un elenco delle criptovalute che possono essere scambiate su questo circuito. Esse rappresentano sicuramente quanto più vicino alla completezza possiamo immaginare nel panorama delle monete digitali.

  • Bitcoin
  • Dash
  • Bitcoin Cash
  • Ethereum
  • Monero
  • Litecoin
  • Ripple
  • Stellar
  • Ethereum Classic
  • Augur Tokens
  • Iconomi
  • Melon
  • Zcash
  • Dogecoin
  • Tether
  • Gnosis
  • EOS

Per quanto riguarda i depositi, è possibile farli esclusivamente tramite bonifico e le valute accettate sono:

  • Euro
  • Dollaro Statunitense
  • Sterlina Britannica
  • Dollaro Canadese
  • Yen Giapponese

Commissioni su Kraken

Le commissioni rappresentano uno dei vantaggi maggiori di Kraken, visto che sono tra le più basse, considerate anche le altre piattaforme. Ad esempio, mediamente per ritirare del denaro via bonifico SEPA, i siti richiedono circa €10, mentre Kraken pretende soltanto circa 10 centesimi di euro. Per quanto riguarda le commissioni sullo scambio, vengono calcolate in base alle coppie di riferimento. Di solito partono dallo 0% e terminano intorno allo 0.26%.

Rappresentano una delle offerte con commissioni più basse del mercato e che sono molto vantaggiose, in linea con quanto offerto da sistemi di trading puri in CFD.

Come creare un account Kraken

Creare un account Kraken è una procedura molto semplice e non dissimile da altri sistemi di registrazione che possono essere trovati su piattaforme web. Durante la fase di iscrizione, è possibile scegliere di utilizzare le misure straordinarie di sicurezza, come ad esempio l’autenticazione doppia.

Per creare il proprio account, bisogna collegarsi sul sito https://www.kraken.com/ e scegliere la sezione “Create an Account”. A questo punto saranno tre i campi da riempire:

  • Indirizzo e-mail, fondamentale per completare la registrazione e per eventuali comunicazioni
  • Username, che sarà il proprio identificativo sul sito e che non potrà essere uguale a nessun altro degli utenti del sito
  • Una password, che dovrà contenere almeno un carattere non alfanumerico (cioè un segno di punteggiatura)

Le misure di sicurezza aggiuntive sono:

  • Una Master-Key, che rappresenta una sorta di seconda password per il proprio account
  • Una key PGP, che permette di avere un account sicuro al 100%

Diversi tipi di account Kraken

A seconda delle indicazioni sui propri dati e quindi sulla verifica della propria persona, Kraken mette a disposizione diversi tipi di account. Vediamoli nello specifico.

  • Tier 0 – Account che non permette né di depositare né di ritirare denaro. È una soluzione iniziale che non permette di fare praticamente nulla
  • Tier 1 – Una volta inserito numero di telefono e paese di residenza, è possibile fare il primo step. A questo punto è possibile ritirare al massimo 2500 euro al giorno e 20.000 euro al mese, ma non è possibile depositare denaro in valuta internazionale, come euro o dollaro
  • Tier 2 – Si attiva inserendo un indirizzo di residenza dove è possibile ricevere della posta. In questo modo, è possibile depositare e ritirare in valuta normale fino a 2000 euro al giorno e 1000 euro al mese, mentre per le criptovalute il limite è di 5.000 euro al giorno e 50.000 euro al mese.
  • Tier 3 – Si tratta dell’account minimo per iniziare a fare trading e si attiva fornendo una foto del proprio documento di riconoscimento e una certificazione della propria residenza non più vecchia di 3 mesi. In questo modo il limite si alza a 25.000 euro al giorno e 200.000 euro al mese per la valuta normale, mente per le criptovalauta 50.000 euro al giorno e 200.000 euro al mese.
  • Tier 4 – È il livello più alto, riservato ad alcuni eletti e ottenibile soltanto contattando direttamente un account manager. Qualora lo si raggiungesse, sarebbe possibile investire fino a 100.000 euro al giorno e 500.000 euro mensili.