Duiem, la criptovaluta di Facebook

Diem, la nuova criptovaluta di Facebook che sfida Bitcoin. Come funziona e il suo wallet

Nel dicembre 2020, Zuckerberg decise di cambiare rotta sulla cosiddetta “cryptosocial”. Fu così che si passò da Libra, una criptovaluta nei piani simile per struttura al bitcoin, a Diem, uno stablecoin. La differenza tra i due progetti è legata alla volatilità della criptomoneta.

Il grande problema che hanno tutte le criptovalute è infatti quello di seguire un iter di quotazione indipendente da altre monete. Questo le porta ad essere altamente influenzabili da eventi esterni slegati al mondo economico e all’andamento delle monete internazionali. Per questo motivo Facebook ha deciso di smarcarsi da questo piano e dare luogo non ad una cripto, ma ad uno stablecoin, legato al dollaro, ovvero una modella stabile e forte. Tuttavia questa scelta ha creato parecchie polemiche nel mondo cripto. Vediamo perché.

Come funziona la stablecoin Diem

Diem avrà un rapporto di 1:1 con il dollaro. Ciò significa che un diem varrà un dollaro. Tuttavia questo è contrario al principio cardine delle criptovalute. Il bitcoin infatti fu creato con l’intento di proporre sul mercato una moneta che fosse indipendente dalle banche, cosa che Diem non sarà. Questo perché Bitcoin non viene considerato dai creatori di Diem una moneta affidabile per le transazioni.

Come ha dichiarato David Marcus. capo di Facebook Financial Novi infatti: “Se invii denaro in tutto il mondo, non puoi far diminuire il valore del bene che invii del 20% in un giorno o del 10% in un giorno. Questa è una volatilità che in realtà è inappropriata per i pagamenti”. 

Altra caratteristica di Diem sarà quella di essere aperta solo a pochi partecipanti, come Facebook e altri membri della Diem Association, mentre bitcoin utilizza un sistema di contabilità pubblica e non è controllato da alcuna singola autorità. Collaborare con le banche centrali è una delle promesse fatte da Facebook che si è spinto fino ad offrire la tecnologia di Diem per implementare più velocemente le valute digitali di banca centrale (cosiddette Cbdc) come l’euro digitale.

Infine Diem sarà una blockchain permissioned. Questo vuol dire che non utilizzerà il mining o lo staking per convalidare le transazioni, come molte altre blockchain, ma farà affidamento su un gruppo di validatori autorizzati (i membri della Libra Association) per convalidare le transazioni.

Novi: Il wallet di Diem

Paradossalmente Facebook potrebbe lanciare sul mercato prima il suo wallet e poi la criptovaluta. David Marcus ha infatti annunciato tramite un post che Novi, questo il nome del portafoglio digitale, è pronto. Lo stesso Marcus ha anche dichiarato che Facebook si è assicurato le licenze o le approvazioni necessarie per lanciare Novi in ​​quasi tutti gli stati degli Stati Uniti. Tuttavia ha concluso che il lancio non avverrà subito perché le autorizzazioni non sono state ancora rilasciate. Difficilmente, comunque, Novi verrà rilasciato senza Diem.

Ma come funzionerà materialmente Novi? Di fatto sarà un wallet integrato da Facebook per Messenger e WhatsApp. Ciò significa che permetterà ad ogni utente di effettuare acquisti, inviare o ricevere denaro in ogni parte del mondo in maniera semplice e istantanea. Il tutto senza dover pagare commissioni.

Da notare che Facebook ha creato sia una divisione che si occuperà della gestione delle transazioni, sia la Diem association. Si tratta di ventisette partecipanti come Iliad, Uber, Spotify che ha investito 10 milioni di dollari nel progetto e che permetterà di utilizzare lo stablecoin sui propri circuiti. Da questo gruppo sono usciti Visa, Mastercard e Paypal, in polemica con il nuovo corso preso da Facebook.

La domanda che molti si pongono è l’impatto che tale stablecoin potrebbe avere sulla privacy degli utenti di Facebook e whatsapp, domanda a cui attualmente non vi è risposta. In ogni caso l’ex progetto Libra ha creato un dibattito politico-economico-finanziario sulla sua validità. Bisognerà vedere se Zuckerberg riuscirà a portare a termine il suo ambizioso progetto.

 

Glossario

Cosa sono le stablecoin?

Le stablecoin sono criptovalute il cui prezzo è progettato per essere ancorato a una criptovaluta, denaro fiat o materie prime negoziate in borsa.

Quali sono i vantaggi delle stablecoin?

Il principale vantaggio delle stablecoin è la riduzione della volatilità dei prezzi tipica delle criptovalute, essendo supportate da monete fiat o dall’oro. Presentano tutti i pro delle valute dematerializzate, come la velocità e la praticità di transazione attraverso l’uso di smartphone.

Condividi: