Golem, l’ecosistema che dà vita a un super computer

Il progetto di Golem, come spiegheremo nel seguito di questo articolo, è quello di creare una sorta di computer molto potente in grado di funzionare con i principi generali delle criptovalute, vale a dire la decentralizzazione e in modo distribuito. Nell’ultimo anno, Golem, un po’ come tutte le criptovalute, a partire da Bitcoin, ha perso abbastanza del suo valore: da un picco di 0.29$, ora si è assestato a 0.058$, con un market cap di 56.292.122 USD che lo mettono al 59° posto tra le criptovalute più utilizzate.

Il progetto di Golem

La criptovaluta è nata con un’operazione di crowfunding che ha generato 1 miliardo di GNT (la criptovaluta) ripartiti in questo modo: 820 milioni a chi ha partecipato al crowfunding tramite smart contracts e 180 milioni al team della Golem Factory.

Il progetto di Golem consiste nel permettere di affittare potenza di calcolo in maniera decentralizzata, connettendo tutti i computer sparsi nel mondo tramite una rete peer-to-peer, diventando, difatti, un super computer accessibile a tutti

In questo modo, un utente può avere a disposizione una capacità di calcolo maggiore rispetto a quella di un calcolatore normale e, pertanto, effettuare funzionalità e calcoli molto più complessi di quelli normali, a basso costo. Chiunque metta a disposizione la potenza di calcolo del proprio dispositivo riceve una ricompensa, vale a dire il token Golem (GNT). Tutto ciò in collaborazione con la piattaforma Ethereum, alla quale Golem si appoggia.

Blockchain e Token Golem

Golem si appoggia sulla Blockchain di Ethereum e si fonda sul principio degli smart contracts. Essendo legata a doppio filo con la seconda criptovaluta più utilizzata dopo i Bitcoin, il valore di Golem dipende, ovviamente, anche da quello di Etherum. Come sappiamo, la blockchain di Ethereum si fonda sull’algoritmo Proof-of-Stake: non è possibile creare nuovi token.

Gli utenti dell’ecosistema Golem sono fondamentalmente di tre tipi:

  • Coloro che affittano la potenza di calcolo del proprio computer, chiamati Providers
  • Coloro che necessitano della CPU messa a disposizione dalla rete, chiamati Requestors
  • Sviluppatori

White Paper Golem

Nel documento di presentazione della criptovaluta, il “White Paper”, viene approfondito l’obiettivo che il team di sviluppo sta portando avanti, specificando quali sono le caratteristiche dell’ecosistema, che vuole portare alla creazione di un vero e proprio super computer decentralizzato per sfruttare tutta la potenza di calcolo distribuita su tanti calcolatori.