ZCash, la criptomoneta a conoscenza zero


Quando si parla di criptovalute, è ovvio che la maggior parte delle persone, soprattutto i non esperti, pensa ai Bitcoin o a qualche altra criptomoneta conosciuta come Ethereum.  Ci sono, però, anche altre realtà che bisogna conoscere, in quanto un investimento in esse potrebbe fruttare molti soldi. È il caso di ZCash, che negli ultimi 11 mesi è cresciuta addirittura del 440%, con un valore attuale di circa 107 dollari (vale a dire 93 euro, più o meno).

Andiamo, dunque, a vedere quali sono le caratteristiche più importanti di ZCash.

ZCash, la criptovaluta meno tracciabile del mercato

Nata nell’ottobre 2016, ZCash si è fatta largo nel mondo delle monete digitali per una caratteristica molto importante. La valuta è, infatti, quella meno tracciabile del mercato. Grazie al suo meccanismo di blockchain, è impossibile riconoscere, per un utente del network, il mittente, il destinatario o l’importo di una transazione che non riguarda direttamente lui. La segretezza sulle transazioni è stata il punto di forza della moneta, poiché c’è stata grande fiducia intorno ad essa proprio per questo fattore.

ZCash, un progetto italiano

ZCash nasce dal progetto ZeroCash, ovvero da una tesi di dottorato di un italiano, Alessandro Chiesa, presentata al MIT di Boston. I risultati della ricerca sulle dimostrazioni a conoscenza zero hanno convinto un imprenditore del campo delle criptovalute, tale Zooko Wilcox, a fondare ZCash. La mancanza di conoscenza ha reso la criptovaluta scollegata dalla sua storia, cosa che invece accade un po’ con il Bitcoin, e il valore di ZCash è cresciuto esponenzialmente in pochi mesi. L’obiettivo di ZCash è stato quello di superare Bitcoin in un determinato aspetto, vale a dire andare a rendere sicuro un pagamento in crypto, rendendo però ogni passaggio segreto.

Come funziona la Blockchain ZCash

Dicevamo, prima, del punto di forza di questa crypto innovativa. Il progetto ZeroCash aveva come idea di eliminare le informazioni che, nelle altre criptovalute, permettevano di risalire ai passaggi che queste ultime avevano fatto sulla blockchain. In parole povere: tutti potevano sapere a chi una determinata valuta digitale era appartenuta e quanti giri aveva fatto sulla blockchain prima di finire nel portafoglio dell’attuale proprietario. Ciò non accade con ZCash, con un meccanismo che viene chiamato Zero Knowledge Proof (dimostrazioni a conoscenza zero), che riguardano dei calcoli matematici molto sofisticati i quali, applicati, permettono le transazioni con la moneta senza le verifiche del caso da parte del network, che ovviamente andrebbero poi a tracciare l’operazione. La transazione viene crittografata, con un sistema che verifica sì le identità – e quindi può provare determinate informazioni – ma che non le rivela.

Conviene investire su Zcash?

Dopo aver illustrato le caratteristiche di ZCash, andiamoci a chiedere: conviene investirci? La risposta è sì. Come abbiamo detto, dopo la sua nascita nel 2016, il valore è cresciuto vertiginosamente, arrivando a sfiorare i 550 dollari statunitensi. Ora è un po’ sceso, ma c’è la possibilità che continui a crescere perché sembra un progetto molto ambizioso e soprattutto con grandi margini di miglioramento. Per maggiori informazioni, leggi la nostra guida su come comprare Zcash.