Strategie Trading Criptovalute: gli strumenti per investire nella criptomonete

Strategie Trading Criptovalute: gli strumenti per investire nella criptomonete

Da quando il termine “criptovaluta” è entrato nel vocabolario finanziario, in molti si sono lasciati affascinare dall’idea di guadagnare con essa. Occorre tenere presente che il Forex è un mercato ricco di insidie e che, se non se ne conoscono le basi, si rischia di annegare al suo interno. Ecco, dunque, una piccola guida per chi ha intenzione di provare a guadagnare con il trading sulle criptovalute.

Non solo Bitcoin

La prima cosa da sapere è che quando si parla di criptovaluta, non ci si riferisce solo al bitcoin. Il sistema monetario creato da Satoshi Nakamoto è solo il più famoso tra quelli presenti sul mercato, nonché il più forte in termini di valore, ma non l’unico.

Sul mercato ogni mese vengono lanciati dalle dieci alle quindici criptovalute. La loro sopravvivenza dipende dalla capacità di attirare investitori. Da questo punto di vista occorre studiare bene le caratteristiche della moneta nel momento in cui si decide di investire su di essa. Il più importante da tenere in considerazione è il market cap. Di cosa parliamo? Del valore ai prezzi di mercato di tutta la criptovaluta circolante. Detto in altri termini è il rapporto tra la quantità di criptovaluta immessa sul mercato e il prezzo a cui viene scambiata con euro/dollari. Più alto è il market cap, più la valuta in questione è affidabile.

Da questo punto di vista il bitcoin domina il mercato, ma esistono altre criptovalute come ethereum e ripple che possono essere considerati buoni investimenti.

Occhio agli ICO

Investire in criptovalute può essere una buona strategia a patto che si abbia ben chiaro in mente che il forex con esso non dà automaticamente guadagni milionari.

Una delle trappole in cui cadono spesso i trader alle prime armi è quello di farsi attrarre dagli ICO. Il termine sta per Initial Coin Offering. In pratica è l’offerta iniziale di una criptovaluta. Perché non conviene investirci? Perché molto spesso si tratta di una bolla finanziaria. Andiamo a spiegare nel dettaglio.

Bisogna partire dal presupposto che il codice che permette di far girare un intero sistema di criptovalute, dalla creazione della stessa al sistema di circolazione, è di pubblico dominio e può essere scaricato, modificato e fatto girare da chiunque, per creare la propria moneta virtuale. Questo significa che chiunque abbia una adeguata concezione tecnica può creare un critomoneta. Il successo di una moneta, però, sia essa virtuale o cartacea, dipende dal suo potere di acquisto. Ed è qui che scatta la truffa relativa agli ICO. La maggior parte delle monete che esordiscono sul mercato vedono una parte della valuta circolante, tipicamente la prima, accantonata a favore dei fondatori. Più alta è la percentuale di moneta prodotta prima dell’immissione sul mercato, più alti sono i vantaggi per i fondatori. Poiché le monete sul mercato sono perlopiù quelle in mano a chi le ha create, una volta che questi hanno venduto la loro parte a peso d’oro, il sistema implode automaticamente, rovinando chi si è fidato di quell’investimento.

Investire su ICO, dunque, non è una strategia vincente.

Gli strumenti per investire nella criptomonete

Una volta sgomberata la mente da dubbi, vediamo come investire nelle criptomonete. Anzitutto bisogna scegliere una piattaforma di investimenti idonea. Sul mercato ne esistono tre.

La prima è quella exchange. Si tratta di siti che permettono di scambiare, comprare e vendere criptovalute. L’acquisto è diretto e il denaro è conservato all’interno della piattaforma, fino a quando si decide di ritirarlo. L’handicap di questo tipo di mercato è che non è quello reale, ma un sottomercato. Questo significa anzitutto che non seguono le norme rigide della borsa reale e che è possibile scambiare solo con le persone che sono presenti su quella piattaforma e non nel mercato in generale. Il vantaggio è la bassa differenza tra BID (prezzo di vendita) ed ASK (prezzo di acquisto).

Il secondo metodo di investimento sulle criptovalute è quello di utilizzare piattaforme di broker tramite CFD. La sigla sta per Contract for Different ed indica non la criptomoneta in sé, ma i contratti standard che li rappresentano. In pratica si tratta di un contratto tra due parti, il trader ed il broker, che esprime la differenza di prezzo di un asset di mercato. Tale differenza si esprime tra il prezzo di acquisto e di chiusura moltiplicato il numero di azioni specificate nel contratto. La parte acquirente realizza un guadagno nel caso in cui il valore dell’asset aumenti, e una perdita nel caso in cui tale valore diminuisca. Viceversa, la parte venditrice realizza una perdita a fronte dell’aumento del prezzo dell’attività e un guadagno se tale prezzo diminuisce.

Il vantaggio di questo tipo di trading è anzitutto la capacità di comprare a prezzi i mercato reali. In secondo luogo, la possibilità di ricorrere alla leva finanziaria, aumentando i propri margini di guadagno. La leva finanziaria, per chi non lo sapesse, è la capacità di acquistare o vendere attività finanziarie per un ammontare superiore al capitale posseduto e, conseguentemente, di beneficiare di un rendimento potenziale maggiore.

Investire in criptovalute tramite CFD è la soluzione migliore per chi vuole occuparsi esclusivamente di investimenti.

Image Desposito Demo Review Visita
Deposito: €200 Spreads: Bassi Licenza: CySEC Conto demo: SI Apri demo gratis Commissioni: zero Recensione eToro APRI UN CONTO Visita il sito ufficiale Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €10 Spreads: Onesti Licenza: CySEC Conto demo: SI Apri demo gratis Commissioni: zero Recensione IQ Option APRI UN CONTO Visita il sito ufficiale Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €100 Spreads: Stretti Licenza: CySEC Conto demo: SI Apri demo gratis Commissioni: zero Recensione Plus500 APRI UN CONTO Visita il sito ufficiale Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €100 Spreads: Onesti Licenza: CySEC Conto demo: SI Apri demo gratis Commissioni: zero Recensione Markets.com APRI UN CONTO Visita il sito ufficiale Il tuo capitale è a rischio.

L’ultimo strumento per operare sul mercato delle criptovalute è quello di dotarsi di un wallet. In questo caso è necessario di avere un computer di grande memoria perchè, oltre che installare il software del wallet, è necessario scaricare l’intera blockchain (ovvero il database delle transazioni) per poter operare sul mercato. Il sistema del wallet è stato sdoganato dal bitcoin, ma ha ancora dei punti oscuri che non lo rendono un modo sicuro di protezione del denaro. Il principale problema di questo «salvadanaio» è che la password del wallet non è recuperabile in alcun modo, dunque, se si perde, si perdono anche i soldi in esso contenuto. Inoltre, a meno di non avere un computer iperprotetto in stile Nasa, si è più soggetti ad attacchi hacker con la possibilità di vedere svanito il proprio patrimonio.

Raccomandazioni finali

Chiudiamo questa nostra guida, dando alcuni consigli sulle strategie da seguire una volta entrati nel mercato Forex. Bisogna tenere presente che, le criptovalute hanno un valore volatile, quindi, possono rapidamente perdere o acquisire valore. Per questo motivo, quando si decide di operare attraverso di esse, bisogna tenere ben presente l’andamento dei grafici di valore. Bisogna, inoltre, considerare la quantità di scambi che il mercato produce e regolarsi in base al flusso di affari. Più salgono gli scambi, più è facile che si muova il prezzo.

Per i principianti, infine, è bene fare pratica con un conto demo, prima di investire i propri capitali, in modo da evitare di andare incontro a brutte sorprese.