Usare i Bitcoin per pagare il dentista? A Genova si può

Negli ultimi anni, l’economia delle criptovalute ha aumentato il suo raggio d’azione sempre di più, diventando florida, redditizia e molto conosciuta nel mondo del web. Al di fuori della rete, però, nella vita quotidiana, se ne sente parlare molto poco e la maggior parte delle persone non è nemmeno a conoscenza dell’esistenza dei Bitcoin o delle altre valute virtuali.

Un esempio di come i Bitcoin e le monete simili possano essere utilizzate possiamo trovarlo a Genova, dove alcune attività commerciali permettono il pagamento dei loro servizi tramite criptovalute.

Dal dentista al ferramenta. Chi usa i bitcoin?

Il primo ad essere conquistato è stato un dentista del capoluogo della Liguria. Quando si entra nel suo studio, non c’è nessun cartello che specifica la possibilità di saldare attraverso i Bitcoin, ma nell’ultimo anno, il pagamento è stata effettuato da una decina di clienti.

Il dottor Federico Platania, di 36 anni, ha commentato così: “Le potenzialità di questi nuovi strumenti sono altissime, ma l’utilizzo è molto limitato. C’è una rete di appassionati che sa come funziona ma la maggior parte dei clienti non sa neppure cosa siano”. Ma come ha iniziato? “Nel 2014, grazie a un amico esperto di economia e informatica, ho aperto un conto online ed ho scoperto che pochi euro, anni dopo, erano diventati centinaia. È un campo in espansione”.

Non solo il dentista, però, perché nella vita dei genovesi sono entrate molto attività che permettono acquisti in cambio di moneta virtuale. Consultando la mappa virtuale del Bitcoin all’indirizzo http://coinmap.org/ si scopre, infatti, che in Liguria sono circa venti quelle che permettono di poter effettuare il proprio pagamento tramite criptovalute: ci sono b&b che permettono di affittare camere, ferramenta e molto altro. Sei sono situati a Genova, quattro a Imperia, tre sono del Tigullio, due spezzini e altri sei si trovano sulla riviera di ponente.

Sembra che la moda stia prendendo piede, visto che è stato organizzato anche “Bitcoin Talk”, il primo incontro dedicato alle criptovalute e al loro funzionamento completamente gratuito, all’interno del Talent Garden degli Erzelli. L’appuntamento è stato creato da un gruppo di giovani e in cento iscritti è arrivato fino a 100 iscritti. Chissà se non ci stiamo avvicinando verso una rivoluzione della moneta non solo sul web, ma anche all’interno dell’economia quotidiana.

Condividi: